SCHEDA-ZINCOGOLDERM®
 ZINCO

IRRITAZIONI DA PANNOLINO E ARROSSAMENTI CUTANEI

L’irritazione da pannolino è uno dei problemi più diffusi tra i neonati. Praticamente tutti i bambini, prima o poi, vanno incontro a un eritema da pannolino, favorito dall’effetto occlusivo di quest’ultimo e dall’irritazione promossa dal contatto con feci e urina. Si manifesta con arrossamento della pelle la cui progressione porta alla formazione di piccole vesciche e desquamazione.

Gli arrossamenti delle pieghe cutanee sono una condizione morbosa della pelle, generata dal continuo sfregamento di due superfici corporee contigue, che coinvolge soprattutto le pieghe cutanee sottoposte a frizione continua, zone in cui il sudore ristagna e macera lo strato epidermico superficiale. Può colpire soprattutto i bambini, i giovani, gli anziani e le persone in sovrappeso od obese.

GLI ANZIANI E LA CUTE

Con l’avanzare dell’età, la cute e i suoi annessi vanno incontro a modificazioni strutturali, morfologiche e funzionali dovute all’invecchiamento di per sé (intrinseco) e all’esposizione ai raggi solari. I cambiamenti naturali della pelle con l’invecchiamento, così come l’aumentata predisposizione alle lesioni da pressione e all’incontinenza, implicano il fatto che gli anziani necessitino di maggiori attenzioni per la cura della cute. Quando la pelle invecchia, c’è un declino nel rinnovamento cellulare, una diminuita produzione di oli protettivi e un assottigliamento dello strato adiposo sottocutaneo.

3D-ZINCOINFO-ZINCO

Questi cambiamenti portano a una riduzione dell’abilità della pelle delle persone anziane di adempiere alle proprie funzioni, quali agire come barriera per agenti patogeni e irritanti e come regolamentazione dell’idratazione e della temperatura. Il cambiamento più ovvio per l’epidermide che invecchia è l’appiattimento della giunzione tra derma ed epidermide. La ridotta connettività tra questi due strati comporta una diminuzione di comunicazione e passaggio di nutrienti tra essi, che provoca una minore resistenza alle forze di taglio (lacerazioni cutanee).

Nelle persone anziane lo spessore del derma può essere ridotto anche fino al 20%, fattore che può spiegare l’aspetto di carta sottile che assume la loro pelle. La risultante riduzione della vascolarizzazione di questo strato cutaneo può portare alle diminuzioni osservate in fatto di proliferazione e riparazione cutanea. Una pelle sana fornisce una barriera resistente agli agenti irritanti e ai patogeni e svolge funzioni di termoregolazione e trasporto dei liquidi.


Translate »